The Presumptuous Dreamer : A blog by Patrizia Verrecchia about Italian Life and Double Identity

change the language of this blog, click on the flag below:

The Presumptuous Dreamer

Sperimentare il cambiamento

Non è trascorso neppure un anno da quando ho dato vita a questo blog e rileggendo la vecchia home page, mi sono resa conto di quanto tutto sia cambiato. Quello che scrivevo sei mesi fa è fermamente nel passato. Il Covid è ancora tra noi, ma è cambiato anch’esso.  Era un mostro terrificante che ha capovolto la mia vita al punto che ho imparato a conviverci. I miei progetti e le mie ambizioni solide come una roccia ora vanno a riempire tutti gli spazi come fanno i liquidi, cosa in fondo non del tutto negativa. Voglio ancora raccontare storie. Voglio ancora fare da ponte alle due culture e le due lingue che mi abitano. La destinazione è la stessa, ma il percorso è mutato:

Entrando nel parco se guardi a destra, limitato da un sentiero che corre lungo il muro di cinta, e a sinistra da una fitta barriera di cespugli e alberi, c’è un prato che si inerpica fino a sparire quando raggiunge la pineta. L’ombra dei pini secolari non permette al tappeto verde di andare oltre.A un passo dalla barriera verde, c’è un secondo sentiero, nato dal passaggio di uomini e animali che per loro motivi pensavano di velocizzare così la salita o la discesa. Sembra una linea tracciata parallela ai due confini verticali, per interrompere quel perfetto rettangolo verde. La routine che nasce da azioni ripetute, mi ha fatto sempre percorrere in salita  il sentiero predisposto accanto al muro e, al ritorno, il sentiero segnato dai passi di uomini e animali.

Un pomeriggio, mi trovavo sulla cima, sotto i pini, sulla via del ritorno, e guardavo dall’alto le onde di diverso verde che la brezza dipingeva con l’erba alta. Mi sono chiesta perché non avevo mai percorso il prato in diagonale, o a zig, zag. Non era vietato camminare sul prato, né lì né altrove nella Villa. Era sempre piena di persone che giocavano, banchettavano o si allenavano nel verde. Perché allora il solo pensiero di cambiare strada mi inquietava tanto? Avevo quasi paura. Che sciocchezza! Era solo un prato e una strada mai percorsa. In piena luce, senza ostacoli ne impedimenti, e allora?

Con i battiti del cuore che acceleravano ho affondato nell’erba il primo piede, che è sparito immediatamente fino alla caviglia. Poi il secondo mentre impostavo mentalmente il percorso diagonale che mi avrebbe portato al cancello principale, da cui ero entrata.

Sentivo tutta la ridicolaggine del dover trovare coraggio per alzare e riabbassare i piedi nell’erba. Non sapevo cosa calpestassi e non potevo vedere cosa si nascondeva più avanti. Una esplorazione? Emozioni esagerate! Reazioni fisiche di un corpo lasciato a sé stesso che non capisce cosa gli viene richiesto. Una mente senza paletti.

Io vivo il cambiamento così.

Un’impresa difficile, troppo spesso impossibile che invece voglio imparare a fare mia in questo mondo che va avanti veloce, che ha deciso di stupirmi molto più di quanto avessi immaginato possibile: prima con lo shock di una pandemia mondiale che sa di Medioevo, ora con una guerra, come nel secolo scorso. Il 1900 è un secolo che si vuole estendere oltre i cento anni. E ancora sullo sfondo come ignorare questo pianeta che si agita e percuote per liberarsi di noi come un cane fa con le pulci?

Il 2000 che immaginavo arriverà! Ma quando?

Cambiare anche a costo di sbagliare è quello che posso fare per creare spazio al futuro. Lasciare andare il passato mi sembra sano. Guardandomi intorno vedo che tutto è fermo da troppo tempo, eccetto la tecnologia.

Voglio provare a camminare ogni giorno nell’erba alta e stare a vedere cosa succede. Vi va di venire con me?

 

© Photo copyright Patrizia Verrecchia. All rights reserved.

 

Ultimi Posts

The Waves

Déjà vu L’altra mattina mentre camminavo lungo la strada principale del mio quartiere, ho incrociato una giovane donna che veniva in senso contrario. Ha attratto la mia attenzione per motivi diversi. Aveva un sorriso meraviglioso, uno di quei sorrisi che nascono da...

Summer Reads

Libri per l’estate Agosto 2021 Volevo solo starmene sdraiata sul divano a guardare la tv. Passavo, in maniera compulsiva, da una serie all’altra, da un film all’altro. Pigra, infelice forse anche un po' depressa dopo un anno e mezzo di reclusione durante il quale la...

Insegnare a persone adulte

Insegnare a persone adulte Il primo incontro con uno studente è sempre determinante per come andrà il rapporto insegnante-studente. Sbagliarlo significa sprecare molto tempo a recuperarlo, e a volte non si recupera mai. Quando ho iniziato ad insegnare avevo solo...

Read More

Divine-la fidanzata dell’altro

Divine-la fidanzata dell’altro

 Divine - la fidanzata dell’altro Era l’agosto scorso, caldo pomeriggio con null’altro da fare se non aspettare sera per uscire un po'. Ero lì, pronta con la mia matita rossa. Pronta a distruggere il film di Jan Schomburg ‘The big Other’ il titolo inglese. Film che mi...

Abigail Relatrice

Abigail Relatrice

(…continues from: read the previous post clicking HERE Abigail Relatrice all’ avanguardia Mi viene sempre la pelle d’oca, quando ricevo un pacchetto da New York. Non sono mai stata a New York. Ma, la città che rimane un mito, per molte persone n tutte le parti del...

Omaggio a Louise DeSalvo

Omaggio a Louise DeSalvo

Il 31 ottobre 2018 moriva Louise DeSalvo, una scrittrice e studiosa di Virginia Woolf che è entrata nel mio cuore con i suoi libri e vi rimarrà per sempre. Come omaggio a Louise, a cui penso come ad una mia amica e che è stata Maestra e fonte inesauribile di...

Essere italiani

Essere italiani

Essere Italiani pigri,folli,indisciplinati,saputelli/mafiosi? Credetemi, essere italiani non è affatto facile. Ogni volta che penso alla vita che viviamo in questo paese “benedetto da ogni bene” comincio a cantare la canzone di Luca Carboni “Ci vuole un fisico...

About Me

About Me

Volevo tradurre, leggere e insegnare tradurre Avevo solo cinque anni quando ho iniziato a tradurre. Può suonare strano, ma è vero. Mio padre mi issava sul bancone o sulla scrivania dell’ufficio di turno e io traducevo. Coloro che immigravano in Inghilterra alla fine...

Roma 2021 e oltre

Roma 2021 e oltre

Roma 2021 ed oltre prima di tutto   Adoro Julia Roberts e ho un debole per Luca Argentero nonostante la differenza di età. I miei figli, la mia famiglia, i miei libri e Roma sono le cose che più amo. Detto questo posso scrivere del film Mangia, Prega, Ama di Ryan...

Abigail suffragetta

Abigail suffragetta

…leggi le puntate precedenti QUI diritto alla proprietà Prima ancora del diritto al voto Abigail voleva per le donne il diritto di possedere terreni e beni.Nel 1860 la famiglia Duniway acquista un terreno, adiacente alla loro fattoria, da una vedova...